Loading
CENTRO MEDICO DI BLASIO0521 286 161

Categoria: Approfondimenti

46 posts

Paura del botulino? Sfatiamo i falsi miti!

Perché quando si parla di botulino si fa un passo indietro? Perché sono ancora radicate alcune credenze riguardo questo farmaco che non son corrette e che spaventano inutilmente.
Cerchiamo di aiutarvi spiegandovele una ad una.

1) Il botulino è tossico e può causare botulismo: FALSO

Botulismo è una sindrome causata da un’intossicazione alimentare. Non è il batterio direttamente a causare la malattia ma la tossina che questo rilascia. Il botulino utilizzato per il volto, possiede invece un’azione limitata alle zone trattate e, per parlare di un effetto tossico, dovremmo iniettare decine di unità in più rispetto a quelle standardizzate per il viso. Ciò significa che possiede un profilo di sicurezza assoluto, più elevato in confronto a molti altri farmaci.

2) Il botulino non è stato sufficientemente testato: FALSO

Il botulino, come ogni farmaco, è stato sottoposto a severissimi test clinici controllati e sono stati anche prodotti migliaia di articoli e ricerche nella letteratura scientifica internazionale, dove emerge che la tossina botulinica è uno dei farmaci più prevedibili e sicuri. Basti pensare infine che viene utilizzato anche in molte altre specialità mediche in dosi superiori a quelle utilizzate in estetica e persino in età pediatrica. L’utilizzo della tossina botulinica per fini estetici è molto più recente al suo utilizzo negli altri campi della medicina.

3) Il botulino paralizza tutti i miei muscoli: FALSO

La tossina botulinica viene iniettata con precisione nel muscolo, in piccolissime dosi e mediante un sottilissimo ago e il cui effetto è quello di ridurre temporaneamente l’intensità della contrazione di alcuni muscoli. Un medico esperto nel trattamento, sarà in grado di mantenere inalterata l’espressività del viso.

4) Non posso sapere cosa mi viene iniettato: FALSO

Attualmente i prodotti commercializzati e legali sono solamente tre ed appartengono ad importanti aziende altamente qualificate in campo medico: Vistabex di Allergan, Azzalure di Galderma e Bocouture di Merz.
È buona cosa invece diffidare dei trattamenti low cost: capita spesso di imbattersi in promozioni dove il trattamento è proposto a cifre addirittura inferiori rispetto al costo dei materiali sopracitati e mi chiedo allora in questi casi quale prodotto venga mai iniettato.
Al di fuori dei 3 prodotti prima elencati, il trattamento è rischioso. Il mio invito è di affidarsi solo a medici altamente qualificati nell’utilizzo di tossina botulinica e in caso di dubbi di verificare insieme al medico il prodotto utilizzato.
I medici che operano con serietà, faranno in ogni caso firmare sempre un consenso dove sarà presente il numero di lotto del prodotto utilizzato.

5) Continuando a fare botulino, prima o poi peggiorerò: FALSO

Al contrario, l’azione del botulino è assolutamente positiva in termini preventivi. È dimostrato scientificamente e rilevabile nei pazienti che effettuano il trattamento nei tempi appropriati che ogni volta si parte da una condizione estetica migliore.
Il botulino, se effettuato correttamente, non dà modo ad alcuni muscoli di esercitare nel tempo la loro azione negativa sulla depressione dello sguardo e sulla formazione di rughe.
Il trattamento con botulino andrebbe iniziato il prima possibile!

6) La tossina botulinica può gonfiare troppo: FALSO

L’effetto che a volte si vede di visi troppo “gonfi” è determinato dall’uso scorretto di materiali riempitivi (fillers) e non dall’utilizzo della proteina botulinica.

7) Il botulino è permanente: FALSO

L’effetto è sempre temporaneo, con una durata media di 4-6 mesi. Questo ha ovviamente una spiegazione scientifica: l’inibizione della contrazione del muscolo nel punto in cui viene iniettato è temporanea perché il corpo umano impiega esattamente questo lasso di tempo per ripristinare la quantità di neurotrasmettitori necessaria a far riprendere il muscolo a contrarsi regolarmente.

8) L’effetto è innaturale e finto: DIPENDE

Il botulino è completamente modulabile. Così come per gli altri trattamenti medico-estetici, la capacità di non inficiare sulla naturalezza del risultato, dipende non tanto dalla sostanza utilizzata, ma dalle scelte e dalla capacità del medico. Ancora una volta è importante per il medico saper dire di NO: non effettuare trattamenti troppo ravvicinati e non bloccare le espressioni positive, a costo anche di mantenere qualche ruga in più.
L’effetto del botulino, se effettuato in maniera corretta, non sarà tanto quello di far scomparire ogni ruga ma piuttosto quello di conferire allo sguardo un’espressione più fresca e rilassata, eliminando i segni di stanchezza.

9) Rinuncio al trattamento oggi, stasera esco con le amiche e noterebbero la differenza…

Non è necessario rinunciare! L’effetto del trattamento non si vede immediatamente ma dopo qualche giorno. Non pensare dunque di dover rinunciare a niente! Anzi, migliorando la qualità del tuo tempo ti sembrerà che scorra più velocemente e vedrai presto il bellissimo risultato del tuo trattamento!

10) Ma senza anestesia fa male! FALSO

Vengono utilizzati aghi finissimi, come per le punture di insulina o eparina…nessun dolore, tranquilli!

11) Me ne ha fatta una fiala intera… quanta…troppa!!

Questo è il punto più importante: non ragionate a numero di fiale fatte, come i peggiori “colleghi” vi hanno col tempo insegnato a fare, purtroppo.

Il botulino viene venduto in boccetti da ricostituire, ovvero è in polvere e il medico al momento del trattamento vi aggiunge della soluzione fisiologia sterile, rendendo il tutto liquido. La quantità di botulino che viene iniettata viene espressa in “unità”, ed è diversa a seconda della diluizione del prodotto.

Quindi è inutile che vi affanniate a guardare quante “fiale” vengono fatte: una determinata quantità di botulino può esser suddivisa in venti siringhe sottili così come in un’unica siringa grossissima, e questo lo decide il medico (tranquilli: qualsiasi siringa si utilizzi viene munita in ogni caso di ago sottile).
La cosa che conta dunque non è quale tipologia di siringa il medico utilizzi, perché la sceglie lui in base alla sua comodità. La cosa importante è quante unità vengono iniettate in ciascun punto di inoculo.

E anche queste comunque cambiano da un prodotto all’altro.

Capirete che fare il confronto tra amiche o tra professionisti diversi circa la quantità di materiale iniettato e ovviamente il suo costo è una cosa che non ha senso, perché non sono confrontabili.

12) “Un suo collega me ne ha fatto troppo poco. Vengo da lei perché me ne faccia un altro poco”

Sbagliato. Ricordatevi sempre che si tratta di un trattamento medico, non di un abito o una piega dal parrucchiere.
È bene affidarsi allo stesso medico semplicemente perché, come detto nel punto precedente, non si sa quante “unità” di botulino sono state iniettate dal collega. Il paziente può certamente riferire che il trattamento è troppo leggero per i suoi gusti, ma non è sicuro ritoccare un trattamento quando non si conosce come è la reale mimica facciale del paziente e quanto intenso sia stato il trattamento del collega.
Se volete cambiare professionista per qualsiasi vostro motivo, affidatevi a qualcuno che non vi proponga un trattamento correttivo poco tempo dopo aver fatto il primo da un altro collega. Un bravo professionista vi rispetta e sa aspettare il giusto tempo per valutare se e quando rifare il trattamento.

Per altri dubbi, contattaci senza impegno

Condividi l'articolo:

6 miti da sfatare sui denti

Il mondo dell’odontoiatria è pieno di miti da sfatare. Come ogni settore altamente specifico, ci sono dei professionisti che lavorano ogni giorno per dare il miglior servizio possibile e il Centro Medico Di Blasio si impegna quotidianamente a dare ai propri pazienti la corretta informazione.

Con la diffusione di Internet, si è acquisita l’abitudine di cercare le soluzioni a piccole patologie dentarie senza stare attenti alla fonte di queste notizie. Bisogna saper distinguere tra articoli scritti da professionisti del settore e quelli scritti dai non addetti ai lavori. Le varie informazioni sul web del mondo dentistico hanno dato vita a falsi miti che non fanno altro che peggiorare la confusione in capo ai pazienti. Quando si applicano soluzioni inadatte per curare una carie o sbiancare i denti il rischio è quello di rovinare la propria bocca, anche in modo molto serio.

Il compito di un bravo ortodontista è, in primo luogo, guidare il paziente a prendersi cura dei propri denti ed a informarlo in modo chiaro ed efficace sull’argomento. A casa bisogna eseguire attività di prevenzione mentre per la cura c’è la poltrona del professionista.

Quali sono i miti da sfatare

1) Non serve il dentista se i denti non fanno male

Ammettilo! Quante volte hai sentito dire che, fin quando non si hanno dei problemi, il dentista non serve? Non c’è errore più grande! È buona norma andare dal dentista almeno ogni 6 mesi per un controllo e una seduta di pulizia professionale dei denti. Anche se non si avvertono particolari dolori o fastidi, possono essere presenti microfratture, problemi a una radice, l’insorgere di una carie o simili. Se non si cura la fase iniziale, possono insorgere problemi gravi più difficili da curare, più dolorose per il paziente e più onerose da un punto di vista economico.

2) Non c’è bisogno di curare i denti da latte

Anche se un giorno cadranno per dare spazio ai denti permanenti, è molto importante prendersi cura dei denti da latte dei più piccoli. È importante iniziare a lavare i denti da latte entro il primo anno di vita per renderli sani e forti, incominciando con un’igiene orale corretta e assunzione di fluoro secondo le indicazioni del pediatra. Inoltre, il dentista è una figura fondamentale per la salute dei denti dei più piccoli. Molti pensano che sia inutile andare dal dentista o comprare prodotti adatti per la cura dei denti da latte. Sbagliato, in quanto i denti da latte si possono cariare o danneggiare come quelli permanenti, causando a volte dolore al bimbo, rendendo necessario l’intervento del dentista: e non è così scontato che qualsiasi bambino si lasci mettere le mani in bocca quando ha male! Ecco perché è fondamentale avere nella figura del dentista un riferimento per il controllo e la prevenzione.

3) L’apparecchio si mette da adolescenti

Frequentemente si pensa che l’apparecchio fisso sia adatto solo ai ragazzi durante il periodo dell’adolescenza; non è così! Non esiste un limite di età a trattamenti ortodontici. Deve pur sempre esistere la condizione che i tessuti di sostegno dei denti si presentino in buone condizioni di salute e che i denti siano ben saldi all’interno dell’osso, ma può esser indicato il trattamento a volte in piccolissimi così come negli adulti. Sicuramente il controllo e la prevenzione sono importanti: prima si diagnostica una problematica, prima l’ortodontista può intervenire senza dover giungere all’età adulta con l’apparecchio ai denti.

4) Lavare troppo i denti fa male

La normale prassi vuole che si lavino i denti dopo ogni pasto, soprattutto se ricchi di zucchero o di elementi acidi, per evitare di corrodere lo smalto. è importante dedicare attenzione all’igiene orale accompagnando lo spazzolino all’utilizzo del filo interdentale e collutorio per una pulizia più completa e profonda. Nel caso in cui si verificano sanguinamenti gengivali o ipersensibilità, vuol dire che lo spazzolamento è troppo aggressivo e sbagliato. Eseguire uno spazzolamento corretto è fondamentale per avere denti sani e robusti. Fatevi insegnare dall’igienista dentale!

5) “Non sono mai andato dal dentista ed eccomi qua, ho ancora tutti i miei denti!”

…Ed è anche molto fortunato, aggiungiamo noi. A volte alcune persone preferiscono non affrontare i possibili problemi e rimandare i controlli periodici. Decisione personale e discutibile: quelle situazioni che portano poi ad esclamare: “Emergenza! Che dolore!!” E a dover intervenire tempestivamente per un problema che ieri era piccolo, oggi è gigantesco.
Ricordate che una carie non guarisce da sola…

6) “Ho portato tanto l’apparecchio da piccolo, non me la sento di sottoporre mio figlio allo stesso trattamento…”

Sbagli! Prima di tutto tuo figlio potrebbe non aver bisogno di una cura ortodontica, finchè non si effettua una prima visita non lo saprai mai. Secondo non pensi che, proprio perché è tuo figlio, si merita di prevenire oggi piuttosto di curare domani? Pensi che quando sarà grande abbia più voglia rispetto ad oggi di mettersi l’apparecchio? Certamente bisogna affidarsi a specialisti con grande esperienza per non incorrere in cure ortodontiche scorrette o inutili, che sicuramente non aiutano né vostro figlio né il vostro portafoglio.

Contattaci senza impegno per prenotare una visita

Condividi l'articolo:

Che colore hanno i denti?

Non esiste una vera risposta a questa domanda, o meglio: non è sicuramente “bianco”! Esiste una vera e propria scala di colori che suddivide i colori dei denti in quattro tonalità di base:

  • A: marrone-rossiccio
  • B: giallo rossiccio
  • C: grigio
  • D: grigio rossiccio

Ogni gamma di colore è suddivisa in numerosi e dettagliati livelli d’intensità che consentono praticamente a chiunque di individuare l’esatto colore dei propri denti.

Come fare a capire quindi se i nostri denti hanno bisogno di essere sbiancati?

È una scelta personale, ma sicuramente il consiglio del dentista o dell’igienista dentale possono aiutarvi nel fare chiarezza e prendere una decisione.
Non esiste un modo corretto e uno scorretto per sbiancare i denti: ci sono pazienti che vogliono uno sbiancamento più decisivo e immediato e scelgono quindi un trattamento professionale. Altri pazienti invece si accontentano di uno sbiancamento più superficiale realizzabile con dentifrici.

Il risultato finale dipende dal colore naturale dei denti, dalla resistenza di eventuali macchie presenti e dal trattamento scelto.
Ricordate che due-tre tonalità possono già comportare una notevole differenza nel sorriso di chiunque.

Contattaci senza impegno per prenotare una visita

Condividi l'articolo:

Sbiancamento denti

Ognuno di noi ha un proprio colore di dentatura, alcune persone nascono con denti più gialli di altre o hanno denti che tendono ad ingiallire col passare del tempo.

Il naturale colore bianco dei denti può essere intaccato da molti fattori. Le macchie superficiali possono essere causate dall’uso di tabacco, sia fumato che masticato; dal consumo di caffè, tè e vino rosso, dall’assunzione di cibo fortemente pigmentato come ciliegie e mirtilli o da un accumulo di tartaro sui denti.
Le macchie intrinseche cioè interne al dente invece possono essere causate dall’utilizzo di medicinali come le tetracicline durante la formazione dei denti o da traumi dentali, con la conseguente colorazione grigia o marrone.

In tutti i casi è necessario rivolgersi al dentista e all’igienista dentale per una corretta valutazione del caso.
Una pulizia professionale aiuta sicuramente a rimuovere gran parte delle macchie esterne provocate da tabacco e cibo; anche l’uso di dentifrici sbiancanti può aiutare a rimuovere le macchie più superficiali a costi contenuti.

Spesso però bisogna ricorrere ad uno sbiancamento professionale. Vediamone insieme le varie tipologie:

  • Sbiancamento professionale: modifica il colore del dente tramite un processo chiamato ossidazione. Tutto ciò che viene introdotto nella bocca durante i pasti può depositarsi all’interno dello smalto, andando a rendere i denti più scuri. Gli agenti ossidanti contengono un principio attivo (perossido d’idrogeno o di carbammide) che va ad ossidare questi pigmenti, riportando il dente al colore originale e rendendolo più brillante. Esistono due tipi di sbiancamento professionale: quello effettuato in studio che dona risultati immediati, ma dopo circa un anno di normale assunzione di cibi e bevande i denti tendono a scurirsi e a macchiarsi; consiste nell’applicazione di un agente ossidante per una durata di 10/20 minuti, che viene poi rimosso e riapplicato fino a 3 volte in una seduta. Nel caso di trattamento domiciliare viene creata una mascherina modellata sull’impronta della vostra arcata, che in genere va indossata per alcune ora del giorno o durante la notte per circa 2 settimane. Non appena il colore dovesse opacizzarsi nuovamente, basterà ripetere l’applicazione per soli alcuni giorni per renderlo ancora brillante.
  • Sbiancamento non professionale con prodotti che si trovano in commercio: funzionano con l’azione fisica e chimica che aiuta a rimuovere solo macchie superficiali. Tutti i dentifrici esercitano una leggera azione abrasiva, ma quelli sbiancanti anche un’ulteriore azione smacchiante.

Non bisogna dimenticare che ogni paziente risponde in modo diverso alle procedure di sbiancamento: alcuni solo con l’utilizzo di dentifrici sbiancanti ottengono un risultato soddisfacente, altri invece devono rivolgersi allo sbiancamento professionale per eliminare fastidiose macchie e colorazione grigiastra.
Solo il dentista o l’igienista dentale sono in grado di individuare il trattamento più indicato alle vostre esigenze.

Contattaci senza impegno per prenotare una visita

Condividi l'articolo:

Salute orale negli anziani

La salute orale negli anziani mira a far mantenere la propria dentatura naturale, anche per una vita intera, se si rispettano le adeguate norme d’igiene orale e visite dal dentista.

Ci sono sicuramente dei fattori che influenzano il cavo orale del paziente anziano, quali l’assunzione di medicine o riguardare le condizioni generali di salute della bocca.

Non infrequenti sono le carie della dentina, evitabili con igiene orale e visite periodiche di controllo.

Anche l’ipersensibilità dentinale è frequente: le gengive tendono col tempo a retrarsi e a esporre porzioni di dente non protette dallo smalto, rendendole sensibili a bevande fredde o calde. In questi casi è consigliabile utilizzare dentifrici per denti sensibili e rivolgersi al dentista poiché a volte l’ipersensibilità è conseguenza di una carie o di un dente fratturato.

Le persone anziane soffrono molto anche di secchezza delle fauci o xerostomia, data da patologie di base o dall’assunzione di alcuni farmaci.

Sicuramente consigliabile un’accurata pulizia e conservazione delle dentiere: affidatevi ai consigli del dentista e rivolgetevi al Centro Medico per ogni problema, prenotando almeno un controllo annuale.

Contattaci senza impegno per prenotare una visita

Condividi l'articolo:

Piercing orali e grill dentali: controindicazioni

Piercing orali e grill dentali sono le ultime tendenze in fatto di accessori dentali. Ma sono sicuri?!

Per piercing orale s’intende qualsiasi tipo di perforazione di una struttura della bocca con l’inserimento di un oggetto.
Differentemente dai piercing ai lobi delle orecchie, i piercing orali proprio per la loro sede possono provocare alcuni danni. In primo luogo: guancia, labbra, lingua…sono zone anatomiche in cui passano vasi e nervi!!! Bucarle non è affatto competenza di nessuna figura lavorativa che non sia un chirurgo, il rischio di emorragia anche forte è elevatissimo!!!
Per non parlare del gonfiore e del dolore che può essere provocato o delle infezioni che possono svilupparsi sia nel momento dell’inserimento sia una volta lo si porti in bocca. Inoltre può scheggiare i denti o creparli, danneggiare denti precedentemente trattati.

Stesse problematiche valgono per i grill dentali, che fortunatamente non sono così diffusi: sono rivestimenti decorativi per denti realizzati in metallo o arricchiti con pietre preziose; sono mobili e si applicano ai denti anteriori. A parte le problematiche d’igiene orale e di pulizia e conservazione di questi oggetti, riuscite ad immaginare i danni che possono provocare ai denti? Abrasione, recessione gengivale, decolorazione e scheggiatura dei denti.

Considerando che sono oggetti indossati per un gusto estetico si direbbe che possono portare a conseguenze tutt’altro che gradevoli!

Contattaci senza impegno per prenotare una visita

Condividi l'articolo:

Igiene orale negli adolescenti

Il modo migliore per favorire l’igiene orale negli adolescenti è educarli fin da piccoli a rispettare sé stessi con una corretta igiene orale. Nel caso in cui il ragazzo porti un apparecchio ortodontico poi è fondamentale seguire le seguenti buone abitudini:

  • spazzolare i denti dopo ogni pasto e spuntino;
  • usare il filo interdentale per rimuovere placca che si accumula tra i denti e nel margine gengivale. Se la placca non viene rimossa adeguatamente si indurisce diventando tartaro che solo una pulizia professionale può eliminare;
  • limitare l’assunzione di cibi zuccherati;
  • andare dal dentista e dall’igienista dentale con regolarità.

Ma quali sono le problematiche di cui il ragazzo dovrebbe essere a conoscenza? Essere informati correttamente aiuta ad agire meglio!

  • Problemi ortodontici: indossare l’apparecchio è fastidioso a volte ma l’igiene orale va cercata di mantenere il più possibile ad ottimi livelli per non cadere in brutte sorprese alla rimozione dell’apparecchio. Ricordatevi che non esistono danni causati dall’apparecchio sui denti, bensì solo i danni causati da una scorretta pulizia durante la cura ortodontica;
  • Il paradenti se siete degli sportivi: indossarlo è importante! Un trauma dentario può causare danni estetici e funzionali importanti!
  • Nutrizione: ha un ruolo fondamentale per la salute dei denti. Zuccheri e amidi favoriscono la formazione di placca, principale causa di carie e disturbi gengivali, che possono provocare anche alitosi.
  • Fumo: macchia i denti, gengive e contribuisce ad alimentare l’alito cattivo.
  • Piercing orale: nonostante la popolarità di questo oggetto, è molto dannoso. Può portare allo sviluppo d’infezioni, emorragie, senza considerare il pericolo di ingoiarlo. Inoltre durante la masticazione e la fonazione continua a rovinare i denti contro cui va ad appoggiarsi.
  • Disordini alimentari: sia la bulimia (disturbo alimentare che porta ad un aumento della fame, seguito da vomito compulsivo) che l’anoressia (mancanza patologica di appetito) sono disordini che possono causare danni anche a livello orale. Infatti il contatto diretto con gli acidi gastrici del vomito possono causare danneggiamento dello smalto graduale fino ad uno stadio irreversibile, con una vera e propria erosione dentale. Il dentista può sicuramente aiutarvi per ciò di cui è sua competenza, e cioè su come proteggere il più possibile i denti.

Quindi ragazzi siate in gamba e se avete qualsiasi dubbio non esitate a chiederci consigli!!

Contattaci senza impegno per prenotare una visita

Condividi l'articolo:

Paradenti e protezioni sportive

Il paradenti è un oggetto fondamentale per l’attività di ogni atleta che pratichi uno sport che preveda cadute, contatto fisico e impatti, come il basket, il rugby, football americano, baseball, calcio, hockey, pattinaggio, ginnastica, mountain bike…
I traumi dentari e lesioni in bocca in seguito ad attività sportiva sono frequentissimi. I tipi di lesioni che si verificano senza l’utilizzo di un paradenti di protezione includono denti rotti o scheggiati, corone o ponti incrinati, danneggiamento delle radici dei denti, ferite lacero contuse provocate da denti rotti taglienti.

Le tipologie di paradenti sono varie. Solitamente coprono i denti superiori; se l’atleta porta un apparecchio dentale fisso il dentista può suggerire la protezione anche per l’arcata inferiore.
Indipendentemente dal tipo scelto, il paradenti deve essere flessibile, resistente all’usura e comodo: deve permettere di respirare bene dalla bocca.
Le tre tipologie più comuni sono:

  • paradenti fatto su misura: ideato e realizzato singolarmente per ogni paziente; è la soluzione migliore perché unisce tutte le giuste caratteristiche che deve possedere un buon prodotto: comodità in bocca senza rinunciare alla sicurezza di un’adeguata protezione, comodità nella pulizia e maggiore durata nel tempo;
  • paradenti modellabile: è un paradenti preformato che si modella nell’acqua calda e adattato alla dentatura. È in vendita presso i negozi di articoli sportivi. Ovviamente con tutti i limiti del caso: scarsa aderenza sui denti che può portare ad irritazioni, e può essere scomodo durante l’attività fisica, dando ingombro in bocca e impedendo la respirazione, incentivando molti atleti a non indossarlo;
  • paradenti pronto all’uso: poco costoso e già modellato su una dentatura ideale che raramente coincide con quella di ognuno, ingombrante e non duraturo.

Una volta realizzato il vostro paradenti dovrete imparare a prendervene cura: dovrebbe essere indossato solo durante l’attività fisica, evitando di masticarlo; una volta terminata l’attività dovrebbe essere accuratamente lavato sotto l’acqua corrente e spazzolato con un comune spazzolino da denti, asciugato e riposto in un contenitore pulito fino all’utilizzo successivo.
Il dentista dovrà assicurarsi che non abbia bordi taglienti e che aderisca perfettamente alla dentatura; dopo l’utilizzo controllate sempre che non sia danneggiato.

Se correttamente utilizzato il paradenti ha una durata variabile a seconda della tipologia scelta: andrebbe sostituito dopo ogni stagione, poiché l’usura potrebbe comprometterne la efficacia. Soprattutto per gli adolescenti è particolarmente importante sostituirlo spesso perché la bocca continua a crescere e la dentatura a cambiare.

Chiedete informazioni al Centro Medico Di Blasio: indossare il paradenti è fondamentale per tutti gli atleti, sia bambini sia adulti.

Contattaci senza impegno per prenotare una visita

Condividi l'articolo:

Bocca asciutta, capirne le cause

Se notate di avere sempre la bocca asciutta potrebbe esserci qualcosa che non va. La cosiddetta “secchezza delle fauci” è un problema, ve ne potete accorgere quando sentite di non avere la saliva sufficiente per mantenere la bocca umida. Ovviamente vi sono occasioni in cui tutti abbiamo provato tale sensazione. Basti pensare a un esame a scuola, quando si parla emozionati davanti ad un pubblico o ad una persona speciale.

Ma se questa sensazione compare un po’ troppo spesso o in modo cronico potrebbe valer la pena di parlarne col dentista, poiché potrebbe essere sintomo di una riduzione di saliva.

La saliva gioca un ruolo determinante all’interno del nostro cavo orale:

  • aiuta nella digestione del cibo
  • protegge i denti dal deterioramento
  • previene infezioni combattendo con i suoi enzimi contro i batteri
  • rende possibile la masticazione e la deglutizione

Avere poca saliva è un problema serio! Vi sono varie cause in gioco: il fumo non aiuta, come sempre! Molti fumatori di pipa, sigaro e sigarette soffrono di secchezza delle fauci.
La menopausa gioca un ruolo importante per le donne: il cambiamento del livello di ormoni influisce sulle ghiandole salivari, che producono meno saliva.
Alcuni farmaci hanno come effetto collaterale la riduzione di saliva, così come la chemioterapia e la radioterapia.

L’unico modo per risolvere questo problema è individuarne la giusta causa.
Se la causa non può essere eliminata, alcuni accorgimenti possono essere d’aiuto per alleviarne i sintomi: sorseggiare spesso acqua o bevande prive di zuccheri; evitare bevande contenenti caffeina, consumare gomme da masticare per cercare di stimolare le ghiandole salivari alla produzione di saliva, cercare di ridurre il fumo.

Contattaci senza impegno per prenotare una visita

Condividi l'articolo:

Alitosi, quali sono le cause?

La maggior parte delle persone affette da alitosi non ne è consapevole ma è un problema sociale diffuso. La scarsa igiene orale è la causa più comune: l’uso incongruo dello spazzolino, così come del filo interdentale, non assicura al cavo orale la giusta pulizia.
Soprattutto la sera: batteri e placca rimangono in bocca e di notte, complice la riduzione di saliva, acidi e avanzi di cibo ristagnano nel cavo orale emanando cattivo odore.

In questi casi effettuare una corretta e costante igiene orale risolve il problema.

A volte può esser dovuta a diete particolari, ricche di cibi quali spezie, aglio e cipolla. Se pensate che l’alitosi possa esser dovuta a questo, tenete nota di quello che mangiate per capire quale alimento nello specifico vi arrechi il problema.

Anche la scarsa pulizia di dentiere può portare a questa problematica, così come la secchezza delle fauci (riduzione di produzione di saliva), o se siete affetti anche da sinusite, faringite o tonsillite criptica.

Chiedete appuntamento al dentista saprà darvi il consiglio più corretto per porre fine a questo sgradevole problema.

Contattaci senza impegno per prenotare una visita

Condividi l'articolo:

Newsletter

CONTATE SU DI NOI ANCHE AD AGOSTO

Anche quest’anno il Centro Medico Di Blasio è al vostro fianco intanto che vi riposate in ferie.

Il Centro rimarrà chiuso dal 01/08 al 02/09 ma per qualsiasi urgenza potete lasciare un messaggio sulla nostra segreteria telefonica: vi richiameremo noi per risolvere insieme ogni emergenza.

Inoltre, il Centro Medico Di Blasio sarà aperto nelle giornate del 21 e del 22 Agosto.

Per urgenze potete telefonare al 0521 286161 e lasciare un messaggio in segreteria senza dimenticare di comunicare un numero di telefono al quale siate facilmente raggiungibili!