Loading
CENTRO MEDICO DI BLASIO0521 286 161

Chirurgia Maxillo-facciale

I servizi del Centro Medico Di Blasio

La chirurgia maxillo-facciale è quella branca della medicina specializzata nella diagnosi e cura delle patologie che colpiscono la testa e del collo. Competenza del chirurgo maxillo-facciale è quindi la cura della persona che è affetta da problematiche malformative del viso, della bocca, da malattie delle ghiandole salivari, del naso, del padiglione auricolare.

Biopsie escissionali ed incisionali in viso e collo.

La salute del viso inizia dal prendersi cura della cute: spesso su indicazione dermatologica in presenza di lesioni cutenee, come possono essere nervi atopici o in posizioni ove è frequente il traumatismo, si effettuano biopsie incisionali (cioè asportazione solo di una parte della lesione, necessaria al fine di eseguire un’analisi istologica di questa e aver quindi “nome e cognome della malattia” per poterne programmare il percorso terapeutico) o escissionali (asportazione dell’intera lesione) in qualsiasi parte di viso e collo.
Ancora l’asportazione di cisti sebacee (raccolte sottocutanee di sebo dovute all’occlusione di una ghiandola sebacea; tale occlusione comporta una aumento di secrezione di sebo all’interno della stessa sacca che aumenta il suo volume e rischia di andare incontro a episodi di infezione) si rende necessaria quando si susseguono frequenti infiammazioni o infezioni di queste, o quando semplicemente arrecano un inestetismo in viso. L’asportazione chirurgica è l’unica strada per risolvere il problema e il rispetto dei tessuti e dell’estetica del viso è d’obbligo.

Patologie a carico delle articolazioni temporo-mandibolari

Altra patologia non poco frequente è quella a carico delle articolazioni temporo-mandibolari: molte persone soffrono periodicamente di fortissimi dolori a carico della zona in cui la mandibola si articola con le testa, ovvero anteriormente all’orecchio, con una vera e propria articolazione, proprio come un ginocchio o un gomito.
Spesso la problematica a carico delle articolazioni è dovuta ad una non corretta occlusione dentale oltre che a problematiche articolari intrinseche. La collaborazione stretta tra chirurgo maxillo-facciale e il dentista esperto in gnatologia è punto cardine del trattamento di queste patologie, non gravi ma estremamente dolorose!

Chirurgia mucogengivale

Parte molto importante di questo distretto è il cavo orale, con tutte le sue strutture scheletriche, muscolari e mucose.
Anche per tutta questa classe di patologie, la salute dei denti e dei tessuti è fondamentale, e richiede un lavoro d’equipe con ortodontista e dentista.
Non rare infatti sono le patologie infiammatorie e infettive spesso derivanti da problematiche dentali, come lo svilupparsi di ascessi che il chirurgo deve provvedere a drenare; granulomi apicali, che se non guariscono tramite terapia endodontica vanno asportati, unitamente all’apice della radice del dente su cui si forma (con un intervento chiamato apicectomia); o ancora la degenerazione di un granuloma in cisti necessita dell’intervento del chirurgo.
L’asportazione delle cisti, qualsiasi sia la loro origine, è l’unica terapia possibile per l’eliminazione della patologia, spesso asintomatica ma da non sottovalutare.

Asportazioni di lesioni

Il chirurgo maxillo-facciale si occupa anche di asportazioni di lesioni gengivali benigne, come papillomi, fibromi, mucoceli e del controllo evolutivo anche tramite biopsie incisionali/escissionali di lesioni preneoplastiche del cavo orale.

Estrazione di elementi dentari e radici

L’estrazione dei denti del giudizio è uno degli interventi di chirurgia orale per i quali più frequentemente l’odontoiatra chiede la collaborazione del chirurgo.
L’estrazione può infatti presentare difficoltà tecniche legate alla posizione del dente (mandibolare o mascellare), che può essere incluso più o meno profondamente nell’osso, e soprattutto dalla sua posizione rispetto al nervo alveolare che decorre all’interno della mandibola.
Preservare la salute del nervo oltre ad effettuare una corretta estrazione del dente è l’obiettivo di questa chirurgia.

Scappucciamento elementi dentari inclusi con recupero ortodontico

In ultimo spesso il collega ortodontista intercetta durante la terapia ortodontica casi in cui alcuni denti non erompono in arcata perché inclusi nell’osso mascellare o mandibolare.
In questi casi si effettua un piccolo intervento di “scappucciamento” del dente dalla sua posizione interna all’osso, con applicazione da parte dell’ortodontista di un bottoncino con una “catenella” applicata, tramite la quale il dente verrà a poco a poco trazionato in arcata insieme agli altri.

Frenulectomie labiali e linguali

Spesso vengono intercettati anche casi in cui il frenulo labiale o linguale si presenta eccessivamente corto, andando a causare problematiche ortodontiche e fonetiche; l’ortodontista richiede dunque al chirurgo un piccolo intervento di frenulectomia .

Tutti questi sono esempi dei più comuni interventi in anestesia locale di competenza maxillo-facciale in regime ambulatoriale; prima di procedere si effettua sempre un colloquio informativo col paziente o con i genitori se minorenne, in cui si ha occasione di fornire tutte le spiegazioni riguardo la patologia e il piano di trattamento.

Nostra particolare cura ed attenzione va ai piccoli pazienti, che spesso si approcciano a questi piccoli interventi per la prima volta: crediamo infatti che sia fondamentale che tale esperienza non sia traumatizzante per loro, ma anzi trovino un ambiente sereno cui potersi affidare.

Newsletter