fbpx
Loading
CENTRO MEDICO DI BLASIO0521 286 161

Tag: consigli del professor Di Blasio

2 posts

Terza classe: soluzione caso di media gravità

Cura di terza classe ortodontica : il caso iniziale.

Questa paziente, indirizzata per consulto da un collega del nord Italia nel 2009, presentava una malocclusione di classe III. In questo caso il problema iniziale era esattamente l’opposto di quello precedente: il mento si presentava eccessivamente sporgente nel contesto del profilo e il mascellare superiore, al contrario, carente e appiattito.

In questi casi, poiché una mandibola forte è caratteristica del volto maschile e non di quello femminile, il viso appare eccessivamente aggressivo e mascolino. A livello della dentatura si notava una malocclusione ancor più grave di quanto ci si sarebbe potuto aspettare dall’aspetto del viso.

Tutti i denti superiori chiudevano infatti all’interno degli inferiori, sia anteriormente che lateralmente (morso incrociato anteriore e laterale). Questo tipo di masticazione è profondamente alterato e comporta spesso un grave disagio della persona ad una corretta alimentazione. La dentatura superiore si presentava anche affollata con mancanza di spazio per i canini, specialmente per il sinistro. Anche questo canino sporgente era percepito dalla ragazza come molto sgradevole nel sorriso provocandole un importante disagio psicologico.

Cura di terza classe ortodontica: il caso concluso.

La cura ortognatodontica è durata 23 mesi ed è stata eseguita con un apparecchio fisso ad entrambe le arcate in preparazione ad un intervento chirurgico per  la correzione della forma mandibolare e mascellare (chirurgia a cura del Prof. E. Sesenna, Università di Parma). Si può notare anche in questo caso il perfetto combaciamento sia della dentatura anteriore che di quella laterale (link a “occlusione ideale”). Anche in questo caso si deve ricordare che il perfetto combaciamento della dentatura rappresenta uno dei fattori fondamentali per evitare recidive a distanza.

Alla fine della cura, il viso della ragazza è molto equilibrato ed aggraziato. L’aspetto aggressivo del volto si è addolcito e femminilizzato e si è perduta l’impressione di eccessiva larghezza della faccia. La paziente a fine cura ha quindi centrato brillantemente tutti i suoi obiettivi: migliore masticazione, sorriso regolare e gradevole, armonizzazione dell’estetica del volto, il tutto con un’ottima stabilità nel tempo.

Condividi l'articolo:

La malocclusione dentale: come risolverla

La definizione di malocclusione dentale risale ai primissimi anni del 1900 quando si incominciarono a definire i criteri di una corretta occlusione e del suo opposto.

Sinteticamente si definisce malocclusione dentale una errata chiusura delle arcate dentali, che ha negative conseguenze sia sulla corretta masticazione sia sull’estetica del viso.

La malocclusione si ha infatti quando vi è assenza di criteri ormai ben noti sintetizzabili in due tipi si scorretta masticazione:

2^ classe  – in cui il paziente ha l’arcata superiore troppo avanzata o l’arcata mandibolare – inferiore – troppo retratta rispetto ad una chiusura corretta.

3^ classe –  in cui il paziente ha l’arcata mandibolare troppo avanzata rispetto a quella superiore

Spesso una malocclusione è accompagnata anche da una scadente estetica della dentatura, ma non sempre è così. A volte una malocclusione è accompagnata invece da un’estetica della dentatura apparentemente normale.

Questi sono i casi più insidiosi perché i genitori del paziente (o la persona stessa), potrebbero non accorgersi di nulla e quindi trascurare la terapia. È bene quindi portare i vostri ragazzi – già nel periodo della scuola primaria – ad una visita.

Sempre, non solo in presenza di evidenti disarmonie estetiche della sola dentatura.

Sarà poi lo specialista ortognatodontista a consigliarvi se procedere o meno ad approfondimenti ed eventuali cure.

Raramente, nei casi più complessi, al trattamento ortodontico deve venire abbinato anche quello chirurgico: il professor Alberto di Blasio è tra i migliori specialisti nazionali in materia, docente universitario ed autore di 5 libri -alcuni utilizzati come testi universitari- e oltre 90 pubblicazioni.

Chiamaci per una visita di controllo a tua figlio. Sarai un genitore più sereno.

Nel Centro Medico Di Blasio è sempre e solo il professor Alberto a visitare i pazienti ortodontici ed eseguire la diagnosi.

Il professore segue inoltre sempre in prima persona ogni aspetto della eventuale cura, controlli inclusi.

Condividi l'articolo:

Newsletter